Sequenza sismica Finale Emilia 2012 - aggiornamento 15

La carta della distribuzione epicentrale con le magnitudo degli eventi sismici (ricavata dai dati dell'INGV.it), mette in evidenza come le due sequenze abbiano una distribuzione secondo una fascia orientata W-E e compresa entro le strutture a thrust del fronte appenninico sepolto sotto i depositi della Pianura Padana ("dorsale Ferrarese"). La prima sequenza del 20/05/2012 mostra i terremoti con M>5 allineati lungo la struttura sismogenetica dei Bondeno-Ferrara, mentre la seconda sequenza del 29/05/2012 mostra i terremoti con M>5 allineati lungo la struttura sismogenetica dei Comuni Mirandola-S.Posidonio. Rispetti i giorni precedenti, la distribuzione non cambia in modo sostanziale. Si nota un aumento della sismicità con Ml inferiore a 4,0, nella zona del Mantovano (distretto sismico Pianura Padana Lombarda).
 
Carta della distribuzione epicentrale: Stelle rappresentano i due eventi con Ml>5; pallini rossi 4<Ml<5; cerchietti blue 3<Ml<4; cerchi verdi Ml<3; La linea rossa con i triangolini indica i thrust del fronte sepolto.
 
Dalla distribuzione temporale degli eventi sismici di tutta la giornata del 02/06/2012, mostra un andamento abbastanza stazionario con eventi di Ml<3,0 e solo un evento compreso tra Ml 3,0 e Ml 4,0. Si nota la comparsa di gap sismologici nella sequenza temporale, tra un sisma e il sucessivo.
 
 
 
 

Comments

  1. Francesco Giovannini (@evolux)3 June 2012 at 11:31

    Grazie per l'aggiornamento. La gente che sento è preoccupata ovviamente, ma anche perché prima della scossa del 29/5 c'era stata una relativa calma apparente, e poi è successo il disastro. Meglio a questo punto che il fenomeno si spenga gradualmente, è una speranza ovviamente.

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

Alcune considerazioni sismotettoniche dell'Italia Centrale

I forti eventi dell'Italia centrale del 18/01/2017: Ipotesi plausibili sulla sorgente sismogenica.

Trasformazione dell'inclinazione reale in inclinazione apparente