Passa ai contenuti principali

Terremoto 2012 - geologia, rilievi agibilità, analisi dei danni

Il libro, stampato a dicembre 2012, illustra il lavoro svolto dal Servizio Geologico Sismico e dei Suoli, dai Servizi Tecnici di Bacino (STB) e dall’Agenzia di Protezione civile della Regione Emilia-Romagna per fare fronte all’emergenza sismica del maggio 2012.

La Regione Emilia-Romagna ha investito molto in questi anni per costruire un quadro conoscitivo di dettaglio del territorio, della sua parte superficiale e di quella sotterranea. L’idea che ha sostenuto questo impegno, economico e tecnico, è che questa conoscenza rappresenta un requisito essenziale per la pianificazione territoriale, per un uso efficiente e sostenibile delle risorse naturali, per la prevenzione e mitigazione dei rischi naturali; cioè in altre parole, per la sicurezza e il benessere degli uomini e delle donne. Questo impegno ha permesso oggi di mettere in campo le risorse conoscitive e tecniche da cui è dipesa la nostra capacità di risposta e di reazione ai tragici eventi sismici di maggio 2012. In termini di conoscenza, la Regione Emilia-Romagna è all’avanguardia: disponiamo di una banca dati, completa e dettagliata, sulla geologia del sottosuolo dell’area di pianura e rappresentiamo un riferimento, a livello nazionale, per gli studi di microzonazione sismica. In termini di capacità tecniche, l’alta professionalità dei tecnici regionali ha permesso di dare una risposta adeguata ai bisogni dei cittadini sul fronte delle verifiche tecniche e degli approfondimenti degli aspetti geologici.

Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il supporto del Dipartimento della Protezione civile, degli Ordini professionali (Ingegneri, Architetti, Geometri), della ReLUIS, degli Istituti di Ricerca, delle Regioni e di tutti gli enti e i soggetti che hanno partecipato alle attività dei sopralluoghi e della ricerca scientifica. Questo libro vuole offrire una panoramica sul lavoro svolto dal Servizio Geologico Sismico e dei Suoli, dai Servizi Tecnici di Bacino (STB) e dall’Agenzia di Protezione civile della Regione Emilia-Romagna per fare fronte all’emergenza sismica del maggio 2012. Raccogliere in un libro la nostra esperienza non è solo un’operazione di memoria rispetto a quanto accaduto, ma anche l’espressione di una volontà: quella di informare i cittadini e le cittadine dell’Emilia-Romagna sul rischio sismico e sul fenomeno naturale del terremoto per fare crescere la consapevolezza sui rischi cui siamo soggetti e sugli strumenti che sono stati messi in campo per fronteggiarli, riducendone l’entità.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…