Sequenza Sismica Finale Emilia 2012 - aggiornameno

Attualmente e per tutta la notte è in atto la sequanza sismica di Finale Emilia. Diamo la carta della distribuzione epicentrale con le magnitudo degli eventi sismici. Da notare come la sequanza, al momento, abbia una distribuzione secondo una fascia orientata W-E e compresa entro le strutture a thrust del fronte appenninico sepolto sotto i depositi della Pianura Padana ("dorsale Ferrarese").


Dalla distribuzione temporale degli eventi sismici di tutta la giornata del 20/05/2012, si nota una diminuzione della magnitudo nei terremoti successivi al mainshock principale.


In conclusione desidero riportare le parole della Protezione Civile Nazionale:

Attenzione: in relazione alla diffusione di notizie riguardanti la previsione di ulteriori scosse di terremoto a seguito dell’evento sismico che alle ore 4.03 ha colpito principalmente le province di Modena e Ferrara, si ribadisce che lo stato attuale delle conoscenze non consente di stabilire quante scosse e di quale intensità potranno ancora interessare la stessa area. Si rammenta che forti terremoti sono comunemente accompagnati da altre scosse, ma ogni previsione che indichi con precisione data, ora e luogo, nonché magnitudo di futuri eventi è priva di ogni fondamento. Nelle aree attualmente interessate dai fenomeni sismici, massima attenzione deve essere dedicata alla verifica delle condizioni di sicurezza degli edifici che hanno subito il terremoto e, in particolare, delle strutture strategiche, di quelle più antiche e vulnerabili, monumentali e di culto, e di tutte quelle che mostrano lesioni e danneggiamenti.

Comments

  1. se metti anche il grafico delle coordinate spaziali (lat, long) degli epicentri si capisce ancora meglio la disposizione della faglia e la sua dinamica

    ReplyDelete
  2. Si concordo che servirebbero i crocifili con le coordinate geografiche o una tabella degli eventi sismici per una maggiore chiarezza.

    Ho ritenuto più rapido e di maggiore lettura visiva usare i limiti amministrativi comunali aggiungendo il nome dei comuni. Credo che visivamente e di impatto sia abbastanza chiaro in quali comuni siano gli epicentri.

    Per la disposizione della faglia basta seguire i limiti amministrativi e per la sua dinamica non servono certo le coordinate... ci vorrebbero altre elaborazioni.

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

Alcune considerazioni sismotettoniche dell'Italia Centrale

I forti eventi dell'Italia centrale del 18/01/2017: Ipotesi plausibili sulla sorgente sismogenica.

Trasformazione dell'inclinazione reale in inclinazione apparente