Passa ai contenuti principali

Il vulcano del Laacher See a rischio eruzione (Germania)

Con l'inizio del 2012 (4 gennaio) il vulcano di Laacher See, in Germania, pare volersi risvegliare, e una sua eruzione potrebbe essere devastante.

L'ultimo evento vulcanico sotto le acque del lago risale a circa 12900 anni fa, con un ciclo eruttivo di 10000-12000 anni circa.

Nelle ultime settimane sono avvenute diverse manifestazioni gassose sulla superficie del lago, dovute all'emanazione di anidrite carbonica, e anche le registrazioni delle forti anomalie termiche al di sotto della superficie, fanno pensare ad una riattivazione del vulcanesimo, almeno in profondità.

Un'eventuale eruzione del Laacher See provocherebbe un’immensa catastrofe in tutta Europa. Questo quanto esposto dagli scienziati durante una intervista da parte del Daily Mail. Infatti il vulcano potrebbe espellere miliardi di tonnellate di cenere e magma che devasterebbero le regioni circostanti, oscurando il cielo per un lungo tempo. 

Commenti

  1. Lei è un Geologo?
    E allora, invece di riportare notizie discutibili e vaghe, potrebbe entrare nello specifico?
    Immensa catastrofe? Di che genere?
    Regioni circostanti fino a che distanza?
    Quanto e come l'Italia potrebbe essere coinvolta?
    Quali eventuali ulteriori conseguenze?
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Io ho riportato una notizia.

    Io non ho parlato di Italia... lo ha letto in qualche altro articolo.

    Si ricorda l'eruzione vulcanica che ha fermato i voli aerei dell'Europa qualche anno fa (un anno circa)?. Una conseguenza potrebbe essere quella. A causa della eiezione di cenere è molto facile che il cielo si oscuri e ci siano delle difficoltà nelle comunicazioni. Ricordiamo comunque che abbiamo una bariera naturale rappresentata dalle Alpi.

    Per quanto riguarda la pericolosipà del vulcano, sarebbe importante conoscere la sua storia vulcanologica. Un vulcano di tipo esplosivo potrebbe provocare molti danni anche a distenze elevate. Ricordo il Vesuvio che ha distrutto Pompei e che durante una sua eruzione esplosiva ha visto il collasso del cono vulcanico, molto più alto dell'attuale e la formazione della caldera con il sistema Somma-Vesuvio. Altro vulcano esplosivo è il monte Pelee della Martinica il quale durante una eruzione esplosiva ha dato vita ad una nube ardente che ha distrutto gran parte del territorio circostante.

    Le conseguenze di una eruzione vulcanica a grande scala (globale) possono essere anche dei cambiamenti climatici, come un abbassamento delle tempertaure.

    RispondiElimina
  3. Sulla base delle informazioni storiche vulcanologiche citate qui: http://geobalocchi.blogspot.com/2012/01/vulcano-laacher-see.html e ricavate da studi scientifici di una certa rilevanza, si può condìsiderare il complesso vulcanico del lago ad elavata pericolosità vulcanica come anche altri complessi vulcanici come il Vesuvio, l'etana, i Campi Flegrei. Come potrai leggere l'ultima eruzione ha prodotto dei depositi piroclastici che si ritrovano in tutta europa, ma questo dipende molto anche dai venti atmosferici che possono trasportare i sedimenti più fini anche per molti giorni dopo un'eruzione vulcanica.

    Spero di esserti stato di aiuto, se hai altre domande sono a disposizione. Ti chiedo di firmarti almeno con il nome.

    RispondiElimina
  4. mi fa un pò ridere vedere come oramai tutti sono diventati tuttologhi...invece di copiare ed incollare notizie prese in giro qua e la, non sarebbe più intelligente scrivere esprimendo idee proprie? non dovrebbe fare questo un blogger? anzichè cavalcare l'onda allarmistica, tra l'altro infondata, alla stregua di tante testate giornalistiche online che ormai non hanno neanche la cognizione dell'attendibilità di quanto riportano? infatti se lei da un'occhiata ai più importanti quotidiani tedeschi nessuno cita questa fantomatica eruzione perchè si tratta della solita bufala in stile Maya 2012. queste cose mi fanno solo sorridere.... saluti

    RispondiElimina
  5. Carissimo Anonimo, mi sorprende molto delle sue parole e non conosche affatto quello che il blog fa: www.georcit.blogspot.com

    Io non ho parlato di profezie maya e del 2012, non ho detto che avverà una eruzione e neppure che il vulcano ha ripreso vita. Forse lei non sa che in italia anche il Vesuvio qualora cominciasse la sua attività sarebbe devastante o i campi Flegrei. Quanto dico non lo affermo solo io ma molti geologi.

    Anche nel lago della Germagnia sebbene al momento stia dormendo e l'attività sia abbastanza nella norma, nulla toglie che una eventuale eruzione possa essere drammatica.

    La cosa che a me da fastidio non è quella che la rete internete sia infasa da cavolate, ma che la mggiorparte non si firma quando scrive qualunque cosa. Manca di prendersi la responsabilità delle proprie affermazioni...

    Buona Giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…