Passa ai contenuti principali

Sezione Geologica

Eseguire il profilo geologico dell'area rappresentata in carta alla scala 1:10000 lungo la traccia A
Procedimento:
  • Disegno il profilo topografico lungo la traccia della sezione A; Notare come il versante decresce da NE verso SW;
  • Disegno i punti di intersezione tra i limiti litologici e la traccia del profilo;
  • Osservo la distribuzione delle unità litologiche e mi chiedo: cosa descrive la carta? Sono rappresentate due sucessioni, una siluriana al di sopra in discordanza e dicontinuità a quella giurassica. La sucessione silurina presenta una direzione NW-SE e immersione SW e le diverse unità litologiche sono tutte in continuità, mentre quella giurassica presenta la stessa direzione ma immersione opposta NE; anche in questo caso le unità sono tutte in continuità.
  • Ricavo con il medodo della linea di direzione o con la regola dei tre punti, la direzione e l'inclinazione delle due successioni;
  • Successione Siluriana: determino i punti A1 e A2 definiti come l'incrocio del limite liitologico tra lower shale e lover grit alla quota dei 600 metri; determino i punti B1 e B2 definiti come l'incrocio del limite liitologico tra lower shale e lover grit alla quota dei 500metri; Unendo i punti A1 e A2 trovo la linea di direzione, unendo i punti B1 e B2 trovo l'altra linea di direzione. Il limite procede dalle quote topografiche più elevate (600) a quelle meno elevate (500), pertanto anche la superficie stratigrafia avrà una immersione verso SW. La linea di direzione definisce lo stike del piano che è misurabile con un gognometro utilizzando la regola della mano sestra: 280°. Determino l'inclinazione misurando la distanza d = 250 m (misurata ortogonalmente alle due linee di direzione) e il dislivello tra i punti A1 e B1 = 100 m; inclinazione = arctan (dislivello/d) --> arctan (100/250) --> 21°

  •  segno l'inclinazione della sucessione sul profilo geografico dove sono presenti i punti di intersezione tra la traccia del profilo e i limiti apportando le opportune correzioni dell'inclinazione apparente. Con l'utilizzo del normogramma l'inclinazione apparente è 20°.
  • Faccio lo stesso per la successione giurassica: strike =150, inclinazione 11° immersione NE;


Sezione geologica

Altri profili speditivi della medesima carta geologica:



Commenti

  1. salve sono una studentessa di Geologia. Non riesco a capire dal suo esempio come riesca a misurare 250 m la distanza tra le due direzioni. Quale calcolo ha adoperato visto che la scala è 1:10.000?Se rispondesse al mio commento le sarei molto grata. Grazie mille

    RispondiElimina
  2. Ciao,

    è un calcolo di scala:
    1:10.000 --> 1 cm = 100 metri (1 cm misurato sulla carta corrispondono a 100 m nella realtà)

    misuro la distanza d=2,5 cm sulla carta e poi faccio un calcolo:

    2,5 cm x 100 = 250 m

    RispondiElimina
  3. La ringrazio infinitamente! Se non la disturbo potrei chiederle un'altra cortesia? Ho calcolato l'inclinazione reale e devo trasformarla con l'ausilio del nomogramma in inclinazione appartente. Non riesco a capire come faccio a calcolarmi "b" ovvero, l'angolo tra la sezione e la direzione di immersione degli strati? grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…