Bollettini di Vigilanza Meteo Nazionale del 6 dicembre 2012

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale del 6 dicembre 2012
Precipitazioni:
-    fino al mattino isolate residue sulle zone adriatiche centro-meridionali e su quelle tirreniche meridionali, con quantitativi cumulati deboli;
-    dal pomeriggio sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su tutte le regioni settentrionali e su Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Molise, Abruzzo, Marche e Sardegna, con quantitativi cumulati da deboli a localmente moderati specie su Valle d’Aosta, Liguria di Levante, Toscana ed Emilia-Romagna. 
Nevicate:
-    fino a quote di pianura al nord con quantitativi cumulati generalmente moderati, puntualmente abbondanti sui settori appenninici settentrionali del versante padano e sui rilievi alpini e prealpini;
-    fino ai 600-800 su Toscana, Umbria e Marche con quantitativi cumulati da deboli a moderati sulle zone appenniniche.
-    fino agli 800-1000 metri su Lazio ed Abruzzo con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati. 
Visibilità: ridotta nelle precipitazioni.
Temperature: in sensibile diminuzione nei valori massimi al nord.
Venti: tendenti a forti dai quadranti occidentali su Sardegna e, da sud-ovest, sulle regioni centro-meridionali con rinforzi di burrasca sull’isola e sulle coste laziali e, da nord-ovest, sulla Toscana; tendenti a forti settentrionali su Liguria. Pianura Padana e Golfo di Trieste.  
Mari: agitati i bacini occidentali ed i mari circostanti le Bocche di Bonifacio, localmente molto mossi tutti i restanti bacini.
Fonte: Protezione Civile Nazionale

Comments

Popular posts from this blog

Alcune considerazioni sismotettoniche dell'Italia Centrale

I forti eventi dell'Italia centrale del 18/01/2017: Ipotesi plausibili sulla sorgente sismogenica.

Trasformazione dell'inclinazione reale in inclinazione apparente