Passa ai contenuti principali

Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns

Within a time distribution of magnitude values, before any mainshock some earthquake triggering patterns with several features develop, under tectonic processes’ influence, through which it is possible to early identify the preparation phase of big earthquakes. The purpose of this article was to identify and classify the warning patterns that develop before a big earthquake by considering space-time seismicity variations. The methodological approach adopted was of graphical type, based on procedures of technical analysis currently used to estimate the financial markets. In the initial phase of the study we have analyzed the seismic sequences types described in the bibliography (type 1: foreshocks-mainshock-aftershocks, type 2: mainshock-aftershock; type 3: swarm) and the main structure of the seismic cycle, within which maximum and minimum magnitude values characterize the pattern that it develops until the main event changes. Then, we assessed the position of foreshocks, mainshock and aftershocks within the seismic cycle in order to identify the warning pattern that characterized the exact time when the energy emission occurs. As to the evolution normally shown over time, we have grouped the warning patterns in 2 categories: 1) progressive earthquake pattern; 2) flash earthquake pattern. Finally, we have made a classification of the warning pattern related to the fluctuations of maximum and minimum magnitude values, compared its form with the mainshock’s focal mechanism and suggested some graphic procedures in order to estimate the mainshock magnitude value associated with each warning pattern. The results we obtained unquestionably allow a better comprehension of preparation process of a large earthquake, improving the earthquakes forecasting probability in the next future.

di: Riga G., & Balocchi P. (2016)

Paper
Riga G., Balocchi. P. (2016); Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns. Open Journal of Earthquake Research, 5, 20-34. doi: 10.4236/ojer.2016.51003.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…