Passa ai contenuti principali

Classificazione degli eventi sismici emiliani 2012 e del loro pattern di innesco - Classification of the Emilia 2012 earthquakes and their triggering pattern


Sulla base dello studio di Riga & Balocchi (2016), è possibile classificare l'evento di Mw 5.8 del 20 maggio 2012 come Progressive earthquakes dove il pattern di innesco è definito come Expansion triangle (fig. 1). 

Based on the study of Riga & Balocchi (2016), it is possible to classify the Mw 5.8 earthquake of 20 May 2012 as the Progressive earthquakes where the trigger pattern is defined as Expansion triangle (fig. 1).

Figura 1 - Classificazione del terremoto dell'Emilia 2012 di Mw 5.8. F: Foreschoks
Figure 1 -  Classification of the Emilia 2012 earthquake of Mw 5.8. F: Foreschohs.


L'evento di Mw 5.6 del 29 maggio 2012 come Flash earthquake con pattern di innesco horizontal rectangle (fig. 2).

The Mw 5.6 earthquake of 29 May 2012 as Flash earthquake where the trigger pattern is as horizontal rectangle (fig. 2).

Figura 2 - Classificazione del terremoto dell'Emilia 2012 di Mw 5.6.
Figure 2 - Classification of the Emilia 2012 earthquake of M 5.6.

Riga G. & Balocchi. P. (2016) - Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns. Open Journal of Earthquake Research, 5, 20-34. doi: 10.4236/ojer.2016.51003.

Commenti

  1. Seismologists care about people's lives?
    Why seismologists do not wish to advance the method which is now ready for accurate earthquake prediction?
    There is a method. This method is tested .
    But you still hide the fact that even today we can save lives.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In this article we expose a method to classify the Earthquake sequence and the triggering pattern of future strong earthquakes. In the next article we expose the first algorithms.

      Elimina
  2. It would be an help to graph some stuff like "bollinger bands" or similars.
    Energy or specific energy (E per event) vs n. events as well.
    Regards...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…