Passa ai contenuti principali

La sequenza sismica della Val Tiberina e Gubbio dal gennaio 2010 al 4 gennaio 2014

Carta della distribuzione epicentrale con classi di M
Nella carta della distribuzione ipocentrale si nota come i terremoti superficiali siano concentrati maggiormente in prossimità di Gubbio. Questa sismicità superficiale viene registrata in questo ultimo periodo della storia sismica della sequenza, a partire dagli eventi del 2012 come evidenziato dal grafico dell'andamento della profondità. 

Il grafico cumulativo mostra quattro momenti importanti: 
i) il primo nel 2010 dove si è attivata la sequenza con terremoti nel distretto sismico di Pietralunga; 
ii) il 20/04/2013 con un evento di M 3,6 nel distretto sismico dell'Alta val Tiberina; 
iii) in agosto 2013; 
iiii) il 22/12/2013 con l'evento di M 4,0 nel Bacino di Gubbio. 

Carta della distribuzione ipocentrale
con classi di profondità
L'evoluzione spaziale della sequenza, nella storia sismica dell'area, ha visto una migrazione da NW (area di Città di Castello) verso SE (area di Gubbio) con un'attività regolare dei diversi settori e una maggiore concentrazione nell'area di Gubbio. 

Le considerazioni sulle strutture sismogenetiche (faglie) che si possono fare sono relative alle due strutture principali. La faglia Altotiberina (ATF) rappresenta una struttura di importanza regionale ad andamento appenninico e con immersione NE che sembra responsabile di quella
Andamento temporale della M
microsequanza sismotettonica legata all'area di Città di Castello e la sismicità più profonda del Bacino di Gubbio. La faglia di Gubbio (GF) è una faglia apenninica con immersione SW che termina contro la ATF. La sismicità legata a questa struttura deve essere quella più recente e superficiale del Bacino di Gubbio. Dalla carta della distribuzione ipocentrale si nota come gli eventi più superficiali siano concentrati lungo una fascia antiappenninica a nord di Gubbio.


Andamento temporale delle profondità
La cronologia sismotettonica più probabile sembra da imputare alla ATF che a partire dal 2010 si è riattivata generando una sismicità più profonda e che ad oggi è da considerarsi una struttura attiva. La GF si è riattivata in questo ultimo periodo generando una sismicità superficiale lungo il bacino intermontano omonimo. Il ruolo della ATF è di master fault (faglia principale), mentre la GF è una struttura secondaria e legata alla precedente.

n° eventi sismici giornalieri e curva cumulativa
Per approfondire:



***
materiale concesso al Gruppo Facebook 

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…