Passa ai contenuti principali

Neapolitan Volcanoes, il libro dedicato ai tre vulcani della Campania


Una guida per approfondire i principali temi legati all’evoluzione geologica, alla storia dei vulcani attivi napoletani e all’influenza che questi hanno sulle popolazioni locali sin dall’epoca preromana. “Neapolitan Volcanoes. A Trip Around Vesuvius, Campi Flegrei and Ischia”, di Stefano Carlino, ricercatore dell’Osservatorio Vesuviano – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (OV - INGV), edito dalla Springer è un testo, in lingua inglese, per appassionati di vulcanologia che affronta molteplici aspetti legati ai tre vulcani attivi della Campania,  il Vesuvio, i Campi Flegrei e l’Isola d’Ischia, spaziando dalla gestione del rischio in aree a elevata urbanizzazione a preziose indicazioni sui principali siti da visitare, per il loro interesse di carattere vulcanologico, storico e paesaggistico. 
Tema centrale di “Neapolitan Volcanoes”, la vulcanologia, con particolare riferimento, nella parte introduttiva, allo sviluppo di questa disciplina nell’ambito della scuola partenopea. 
Il libro si sviluppa in tre capitoli: “Volcanic Activity and Processes”, in cui si parte dalla descrizione del paesaggio della Campania e dei processi geodinamici che lo hanno generato, con particolare riferimento al distretto vulcanico partenopeo, per arrivare poi a esporre l’attività del Vesuvio, dei Campi Flegrei e dell’Isola d’Ischia; “Volcanoes and Human Settlements” dove viene descritto lo sviluppo degli insediamenti peri-vulcanici sin dall’epoca preromana, il rapporto delle popolazioni con i vulcani napoletani e la progressiva trasformazione del territorio iniziata dall’epoca moderna; “Volcanoes and Risk”, in cui si affronta il problema del rischio vulcanico nell’area napoletana, della sua gestione, della previsione delle eruzioni e della comunicazione tra comunità scientifica e popolazione esposta al rischio.
“Neapolitan Volcanoes” è corredato da diverse appendici che descrivono, con l’ausilio di immagini e mappe, i principali siti da visitare nel distretto vulcanico napoletano sia per il loro interesse vulcanologico che per il contenuto storico-archeologico. Gran parte delle immagini a corredo del testo sono state scattate da Alessandro Fedele (OV-INGV), utili a una migliore comprensione del paesaggio partenopeo.

Il libro verrà presentato a Napoli in occasione del congresso internazionale “Cities on Volcanoes (CoV 10) - Millenni di stratificazione tra Vita dell’Uomo e Vulcani: strategie per la coesistenza” -   che si terrà dal 2 al 7 settembre, per porre l’attenzione sulla resilienza intrinseca dell’uomo al rischio vulcanico, in una millenaria storia di convivenza con i vulcani.

I contenuti del libro sono consultabili al link:
mentre chi è interessato al suo acquisto può collegarsi al seguente link: https://www.springer.com/book/9783319928760#otherversion=9783319928777 

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…