Passa ai contenuti principali

Il piccolo sciame della costa Laziale meridionale (Latina)

Fig. 1 - localizzazione dello sciame sismico
della costa Laziale meridionale
(Tirreno Meridionale, TM) e l'attuale
sequenza sismica in Italia centrale (IC).
Nella giornata del 03 febbraio 2017 si è sviluppato un piccolo sciame sismico (fig. 1) a largo della costa Laziale meridionale (Latina). dove l'evento di maggiore magnitudo è stato quello di Ml=3.7 del 03 febbraio 2017 ore italiane 22:33:02 (UTC 21:33:02) [1]. 
Successivamente alle nel giorno 04 febbraio 2017 alle ore italiane 00:08:05, si è verificato un'altro evento di Ml=3.5 [2].
Il meccanismo focale di questo secondo evento (fig. 2), evidenzia la direzione dei piani nodali e degli assi principali dello stress. La faglia responsabile del terremoto di M=3.5 è ascrivibile ad una trascorrente la cinematica sisnistrorsa con componente normale, legato alla struttura di importanza regionale descritta come 41PL (essendo parallela al 41° parallelo) che rappresenta un importante limite che separa il bacino tirrenico settentrionale da quello meridionale [3] [4], due aree che con tassi di deformazione differenti, una maggiore estensione nel Tirreno meridioanle e minore in quello settentrionale [4]. 
Fig. 2 - Meccanismo focale dell'evento Ml=3.5
Anche se il significato tettonico di tale limite non sembra ben definito, da diversi autori viene interpretato in due modi [3]: i) come avvallamento per post-rifting legato a sollecitazione da raffreddamento e stress intraplacca; ii) come faglia di trasferimento caratterizato da un movimento laterale sinistro (fig. 3). 
In base ai dati sismologici è plausibile ipotizzare che lo sciame sismico della costa Laziale meridionale sia dovuto alla riattivazione di segmenti di faglia appartenenti alla 41PL o strutture secondarie a essa associate. Come evidenzia il meccanismo focale, si evidenzia una componete trascorrente sisnistrorsa associato al piano nodale a direzione NE-SE e una componete normale secondo un asse di massima tensione N-S. Pertanto si ritiene che lo sciame sismico Laziale meridionale possa essere dovuto ad una tettonica trastensiva sisnistrorsa, legata all'attivazione di strutture riconducibili a zona 41PL [3] [4]. 

Fig. 3 - Mappa schematica del Tirreno e Appennino settentrionale [3]

La struttura 41PL è strettamente correlata alla complessa evoluzione paleogeografica (e tettonica) del mar Tirreno (fig. 4) [3] [4] [5]. Si nota come la migrazione progressiva dell'arco Calabro-Peloritano in direzione SE, sia legata all'attività di due strutture principali: quella a nord, denominata 41PL a cinematica trascorrente sinistrorsa e a sud, la faglia nord-Siciliana trascorrente destrorsa [5]. Da notare come la 41PL fiancheggia anche la costa della Campania fino alla Calabria nord in cui prende il nome di linea di Sangineto (SL in fig. 3) [3] [4] [5].

Fig. 4 - Mappa che mostra l'evoluzione paleogeografica dell'arco Calabro-Peloricato (CP), legato all'apertura del Tirreno e alla subduzione del mare Ionio al di sotto della Calabria (figura tratta da: [4].

Riferimenti Bibliografici
[3] Bruno et al., 2000. Seismic study of the ‘41st Parallel’ Fault System offshore the Campanian–Latial continental margin, Italy. Tectonophysics, 324, 37–55.
[4] Conti et al., 2016. Transfer zones in an oblique back-arc basin setting: Insights from the Latium -Campania segmented margin (Tyrrhenian Sea). Tectonics, 36, doi:10.1002/2016TC004198.
[5] Rosenbaum & Lister, 2004. Neogene and Quaternary rollback evolution of the Tyrrhenian Sea, the Apennines, and the Sicilian Maghrebides. Tectonics, Vol. 23, TC1013, doi:10.1029/2003TC001518.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…