Sunday, 28 February 2016

Classificazione del terremoto de L'Aquila del 2009 e il pattern di innesco - Classification of the L'Aquila 2009 earthquake and the triggering pattern

Sulla base dello studio di Riga & Balocchi (2016), è possibile classificare l'evento di Mw 6.1 del 06 Aprile 2009 come Progressive earthquakes dove il pattern di innesco è definito come Expansion triangle. 

Based on the study of Riga & Balocchi (2016), it is possible to classify the Mw 6.1 earthquake of 06 April 2009 as the Progressive earthquake where the trigger pattern is defined as Expansion triangle.

Classificazione del terremoto de L'Aquila 2009 di Mw 6.1.
Classification of the L'Aquila 2009 earthquake of Mw 6.1.

Riga G. & Balocchi. P. (2016) - Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns. Open Journal of Earthquake Research, 5, 20-34. doi: 10.4236/ojer.2016.51003.

Thursday, 25 February 2016

Classificazione degli eventi sismici emiliani 2012 e del loro pattern di innesco - Classification of the Emilia 2012 earthquakes and their triggering pattern


Sulla base dello studio di Riga & Balocchi (2016), è possibile classificare l'evento di Mw 5.8 del 20 maggio 2012 come Progressive earthquakes dove il pattern di innesco è definito come Expansion triangle (fig. 1). 

Based on the study of Riga & Balocchi (2016), it is possible to classify the Mw 5.8 earthquake of 20 May 2012 as the Progressive earthquakes where the trigger pattern is defined as Expansion triangle (fig. 1).

Figura 1 - Classificazione del terremoto dell'Emilia 2012 di Mw 5.8. F: Foreschoks
Figure 1 -  Classification of the Emilia 2012 earthquake of Mw 5.8. F: Foreschohs.


L'evento di Mw 5.6 del 29 maggio 2012 come Flash earthquake con pattern di innesco horizontal rectangle (fig. 2).

The Mw 5.6 earthquake of 29 May 2012 as Flash earthquake where the trigger pattern is as horizontal rectangle (fig. 2).

Figura 2 - Classificazione del terremoto dell'Emilia 2012 di Mw 5.6.
Figure 2 - Classification of the Emilia 2012 earthquake of M 5.6.

Riga G. & Balocchi. P. (2016) - Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns. Open Journal of Earthquake Research, 5, 20-34. doi: 10.4236/ojer.2016.51003.

Thursday, 18 February 2016

Considerazioni sull'evento di M 2.2 di Sergnano 2016 in relazione allo stoccaggio di gas naturale

In giorno 9 febbraio 2016 è accaduto un terremoto di M 2.2 nella Pianura Padana lombarda. Tale evento si colloca geograficamente all'interno della concessione di stoccaggio gas di Sergnano facendo presupporre una relazione con l'attività umana. Questa “nota breve” si pone come obiettivo quella di fare chiarezza sull'evento e la possibilità di una sua relazione con lo stoccaggio, utilizando dati presi dalla bibliografia. Confrontando il dato della profondità dell'ipocentro e quello relativo alla profondità dei pozzi, si capisce che la relazione non può esserci. Considerando dati più puntuali, relativi al modello geomeccanico del reservoir redato in occasione della Valutazione di Impatto Ambiantale per l'ampiamento delle pressioni di esercizio del giacimento, si evince come lo stato tensionale e deformativo del giacimento al suo contorno, in relazione al valore massimo della pressione considerato nella modellazione numerica, rimane in campo elastico rilevando la tenuta della roccia. Inoltre, confrontando i dati delle tensioni orizzontali efficaci in condizioni di pressione iniziale e valore massimo della pressione considerata nella modellazione numerica, si evidenzia come le eventuali variazioni di pressione nell'area sottostante il reservoir sono trascurabili, e quindi non possono influenzare le zone che si trovano a maggiore profondità come quella dove è collocato l’ipocentro dell’evento sismico. Qualora sia corretta la profondità dell'ipocentro, trova una spiegazione più plausibile se si considerano eventuali strutture sismogenetiche più profonde di età Mesozoica.

di: Balocchi P. (2016)

Articolo:
Balocchi P. (2016); Considerazioni sull'evento di M 2.2 di Sergnano 2016 in relazione allo stoccaggio di gas naturale. GeoResearch Center Italy - GeoBlog, 1(2016),  ISSN: 2240-7847.

Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns

Within a time distribution of magnitude values, before any mainshock some earthquake triggering patterns with several features develop, under tectonic processes’ influence, through which it is possible to early identify the preparation phase of big earthquakes. The purpose of this article was to identify and classify the warning patterns that develop before a big earthquake by considering space-time seismicity variations. The methodological approach adopted was of graphical type, based on procedures of technical analysis currently used to estimate the financial markets. In the initial phase of the study we have analyzed the seismic sequences types described in the bibliography (type 1: foreshocks-mainshock-aftershocks, type 2: mainshock-aftershock; type 3: swarm) and the main structure of the seismic cycle, within which maximum and minimum magnitude values characterize the pattern that it develops until the main event changes. Then, we assessed the position of foreshocks, mainshock and aftershocks within the seismic cycle in order to identify the warning pattern that characterized the exact time when the energy emission occurs. As to the evolution normally shown over time, we have grouped the warning patterns in 2 categories: 1) progressive earthquake pattern; 2) flash earthquake pattern. Finally, we have made a classification of the warning pattern related to the fluctuations of maximum and minimum magnitude values, compared its form with the mainshock’s focal mechanism and suggested some graphic procedures in order to estimate the mainshock magnitude value associated with each warning pattern. The results we obtained unquestionably allow a better comprehension of preparation process of a large earthquake, improving the earthquakes forecasting probability in the next future.

di: Riga G., & Balocchi P. (2016)

Paper
Riga G., Balocchi. P. (2016); Seismic Sequence Structure and Earthquakes Triggering Patterns. Open Journal of Earthquake Research, 5, 20-34. doi: 10.4236/ojer.2016.51003.