Passa ai contenuti principali

Terremoto nelle Filippine M=7,1

Il giorno 15 ottobre 2013 alle ore 00:12 UTC (ore 8:12 nelle Filippine) è avvenuto un terremoto di magnitudo 7,1. L'epicentro è stato localizzato a circa 52 km SW della città di Cebu. 

Fonte: EMSC;

La testimonianza di Riccardo Mantovani che vive a Tagbilaran nelle Filippine:

“io sono vivo per miracolo credo....ma tanti non ce l'hanno fatta, ho abbracciato un albero di cocco che stava di fianco a me perchè le persone venivano sbattute in tutte le direzioni...una cosa incredibile davvero...gli edifici si muovevano come fossero serpenti e il panico assoluto perchè si aveva la sensazione di sprofondare! L'isola oltre ad aver subito onde trasversali molto forti, ha avuto una fase sussultoria e sembrava che qualcosa sollevasse l'isola più volte per poi lasciarla cadere...un vero incubo! scuole, ponti, chiese, supermercati, palazzi...se non collassati su se stessi, comunque crollati per buona parte, strade praticamente esplose....un sisma non del tutto eccezzionale, ma la composizione del sottosuolo completamente vulcanica e di conseguenza rocciosa, ha fatto si che sprigionasse una forza pari a 32 bombe atomiche! L'allarme tsunami è rientrato dopo 2 ore circa! ora dormo all'aperto con tutta la comunità di Panglao perchè siamo nel bel mezzo di uno sciame e poi perchè ancora non sono state effettuate indagini di stabilità per gli edifici ancora in piedi! Al momento le notizie sono alquanto frammentarie e si contano circa 150 morti e 22 dispersi! Questa mattina un altro terremoto abbastanza importante e addirittura una bomba d'acqua.....ma questo è normale per ora perchè cè una forte depressione!!"

Ringrazio Antonello Canale che mi ha permesso di pubblicare la testimonianza postata sul gruppo E.S.I. – Emergenza SismicaItalia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rapporti stratigrafici

Per rapporti stratigrafici si definiscono le relazioni geometriche e temporali che caratterizzano i limiti verticali e laterali di due unità litologiche a contatto tra loro.

Limiti litologici: il limite tra due unità a contatto tra loro. Tale limite può essere:
Graduale se le litologie passano gradualmente da un’unità all’altra unità;
Netto quando il limite è assimilabile ad una superficie e il passaggio è repentino da un’unità all’altra;
Erosivo se la superficie di passaggio è di tipo erosivo;

Successioni concordanti e discordanti: lungo le superfici limite, due unità stratigrafiche possono contrarre rapporti reciproci geometrici di concordanza o discordanza.
Concordante: successione stratigrafica verticale con strati tra loro paralleli, orizzontali o inclinati che siano;
Discordante: successione stratigrafica con strati tra loro non paralleli, ma con inclinazioni differenti e angoli più o meno accentuati.

Onlap: terminazione della stratificazione orizzontale direttamente su una superficie i…

Misure geologiche in campagna

Durante un rilevamento geologico la misurare dell'assetto delle strutture geologiche, viene eseguita utilizzando una bussola da geologo. Le caratteristiche misurabili sono di due tipi: Planari: superfici stratigrafiche, superfici di faglia e di frattura, foliazioni, piani assiali di pieghe); Lineari: lineazioni, linee di cerniera di pieghe, strie sui piani di faglia, allineamenti di strutture sedimentarie). Misura delle strutture planari: La misura delle strutture planari si esegue attraverso i seguenti parametri: Strike: è l'angolo tra il Nord magnetico che viene indicato dall'ago della bussola e la linea di direzione definita come l'intersezione tra la superficie che vogliamo misurare e un piano orizzontale. Tale angolo si misura in senso orario da 0° a 360°. Dip-direction: è perpendicolare allo strike e indica la direzione in cui la superficie immerge. Viene definita secondo la regola della mano destra (con indice e pollice aperti a formare una L, il dito indice definisce …

Metodi per la determinazione della direzione, immersione e inclinazione di una sucessione di unità litologiche

Per utilizare i seguenti metodi cartografici, è necesario semplificare il modello geologico - stratigrafico, assumendo che i limiti tra le differenti unità litologiche siano rappresentati da superfici di forma planare e regolare.
Pertanto il metodo delle linee di direzone e il metodo dei tre punti, hanno validità locale e non alla scala regionale, dato che in natura i limiti tra unità litologiche sono generalmente rappresentati da superfici non planari e irregolari.
Metodo delle linee di direzione


Determinare la direzione della successione nel modo seguente: Considerare il limite tra pelite e calcare; I punti a, a1, a2, a3 si trovano tutti a 300 m s.l.m.Congiungere i quattro punti con una linea (linea di direzione o isoipsa di stratoConsiderare i punti b, b1, b2, b3 e disegnare la linea che li congiunge (linea di direzione) che si trova alla quota di 200 m s.l.m. Le due linee così determinate sono parallele tra loroDeterminare l’inclinazione della superficie di strato
Considerare un pun…